Andare Nuova 

Sette poesie, nel loro insieme, raccontano l'essenza di un viaggio interiore in cui la protagonista incontra, accetta e trasforma il proprio dolore, così da poter riprendere ad andare.

Un viaggio in discesa verso l'interiorità ma anche in risalita, nuovamente verso l'esterno. Un viaggio reso possibile e accompagnato dalla presenza calma e rassicurante di uno specchio, il terapeuta. 


Idea e scrittura poesie a cura di Valentina Barbieri
Sound design di Marta Ascari

Andare Nuova

Danza tra uno specchio e il suo riflesso, tra un riflesso e il suo specchio 


APPARENZA FUORI 

Vedo una donna vicina ad un albero, amico sincero.

Posizione del loto. Mi pare seduta così.

Mi interesso ed avvicino piano.

La trovo bella, calma e gentile. Mi pare serena. 

Silenziosa ma serena.

I lineamenti sono distesi e la pelle non ha rughe o non sembra portare con se i segni delle fatiche del tempo.

Pacifica è la sensazione che provo nell'avvicinamento.

Mi fermo ad osservare, ad osservarla.

Chissà cosa pensa... Chissà se pensa...

Ora mi sento intimorita. Ma cerco e trovo il coraggio: mi avvicino.

Emana energia, mi pare semplice e naturale. Ha un buon profumo.

Cosa ci fa qui? Cosa cerca? Cosa vuole?

Mi incuriosisce.

Forza, presenza e sicurezza. 

Ma gli occhi sono chiusi.

Mi fermo di fronte a lei e dolcemente appoggio la pelle della mia fronte alla sua.

Siamo vicine. L'osservo silenziosa.

Attendo fiduciosa e in contatto il momento dell'incontro.

Attendo.


APPARENZA DENTRO 

Apro gli occhi quando è il momento di farlo. 

Di fronte trovo uno specchio che mi osserva e mi invita.

Mi guardo riflessa nello specchio.

....

Un corpo, posso osservare la presenza di un corpo che emerge come figura dallo sfondo.

Mi distraggo dalla materia. 

Osservo meglio: mi vedo riflessa nello specchio.

Entro dentro me. Ne sono attratta. 

Ora scivolo come sassi dalla scarpata.

Puff... cado giù. Ssssh... scivolo in basso, verso il profondo blu.

Ora, gli occhi che scrutano il paesaggio sono occhi opposti: invece di fuori guardano dentro.


INTERIORITA'

C'è buio. 

C'è odore. Rancido di muffe, virus, digesti